Troppi furti con spaccata: a Ravenna si riunisce il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza

Sabato 30 Dicembre 2017
Tre delle recenti spaccate o tentativi di spaccata

In prefettura, si sono ritrovati stamattina sindaco, questore, comandante provinciale dei Carabinieri, vice comandante provinciale della GdF, vice comandante della Municipale e i responsabili dei reparti investigativi di Polizia e Carabinieri

Troppi furti con spaccata a Ravenna negli ultimi tempi e autorità cittadine e forze dell'ordine non ci stanno a far la figura con i cittadini di quelli che si fanno prendere per il naso dai delinquenti. Così, questa mattina il Prefetto Francesco Russo ha riunito il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, al quale hanno preso parte il Sindaco del Comune di Ravenna, il Questore, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Vice Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Vice Comandante della Polizia Municipale di Ravenna ed i responsabili dei Reparti Investigativi della Polizia di Stato e dei Carabinieri, per analizzare in maniera approfondita i recenti episodi di furti con “spaccata”.

Le Forze di Polizia hanno assicurato il massimo impegno e dichiarano che sono in corso approfonditi accertamenti volti ad individuare i responsabili dei reati commessi negli ultimi giorni.

Il Prefetto ha disposto l’implementazione dei servizi di pattugliamento da parte delle Forze di Polizia, nonché un incremento di specifici servizi di prevenzione e controllo del territorio con il supporto della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale. "In una strategia di prevenzione di tali reati predatori - si legge in una nota - è stata condivisa la necessità di rafforzare ulteriormente forme di collaborazione con le associazioni di categoria, con le quali ci si è costantemente confrontati in passato e che nei prossimi giorni sono state già invitate ad una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, in un’ottica di sempre più proficuo miglioramento dei sistemi di si curezza partecipata".

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • Ci preoccupiamo solo quando arriva il grosso problema, la figuraccia e' fatta e non si rimedia cosi facilmente,serve una maggiore integrazione nella prevenzione e controllo del territorio, e in questo non siamo bravi, Quando Igor il Russo e' fuggito sapevano che aveva vissuto in spagna e che la spagna poteva essere il suo punto di destinazione, ma nessuno lo ha comunicato alle forze spagnole...... i delinquenti si muovono liberamente in europa.. serve assolutamente un integrazione europea delle forze armate,serve il coraggio dei politici per spingere l accelleratore sull europa e finire il lavoro iniziato o smontare tutto quello che e' stato fatto perche non cosi' funziona... siete d accordo??

    31/12/2017 - Angelo



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.